colesterolo-780x438

A me il COLESTEROLO è antipatico

S

ei cosciente di essere a rischio di ipercolesterolemia? In generale le persone in sovrappeso e le persone anziane tendono ad avere il colesterolo altro, anche se il problema riguarda chiunque, a prescindere dall’età e dal peso. Infatti l’organizzazione mondiale della sanità stima che più del 60% delle coronaropatie nei paesi industrializzati è dovuto ad un tasso di colesterolo superiore al valore ottimale di 150 mg/dl. (WHO 2002 REPORT).

Ma di che cosa stiamo parlando

E’ risaputo che un livelloalto di colesterolo può essere pericoloso per la salute. Il colesterolo presente nel nostro corpo è una sostanza grassa prodotta dal fegato ma lo si può assumere anche da cibi come carne, latticini e uova. Di fatto il colesterolo non è necessariamente dannoso perché svolge una funzione vitale nella formazione delle cellule e nella produzione di vitamina D, ormoni e la bile che serve per la digestione; tuttavia un tasso elevato di colesterolo può aumentare il rischio di infarto cardiaco, ictus, disturbi circolatori. Non entriamo troppo nello specifico ma sappi che esistono due tipi di colesterolo:

  • HDL lipoproteina ad alta densità: è il colesterolo buono che attraverso il fegato rimuove dal sangue il colesterolo in eccesso, impedendo che ostruisca le arterie;
  • LDL lipoproteine a bassa densità: il colesterolo cattivo più dannoso perché trasporta il colesterolo dal fegato nelle cellule del corpo e quando è in eccesso può accumularsi sulle pareti dei vasi sanguigni e ridurre la portata di sangue (aterosclerosi).
Siamo pratici: alcuni suggerimenti

E’ possibile ridurre e mantenere nella norma il livello del colesterolo? Si, è possibile.

  1. Fai pulizia nella dieta: è da rivedere la tua alimentazione. Riduci il consumo di grassi saturi facendo qualche piccola sostituzione nei cibi che consumi, ad esempio passando dal pane bianco a quello integrale, dalle carni rosse e lavorate a pesci grassi e pollame magro, ma anche elimina snack confezionati come patatine per passare a semi o frutta a guscio.
  2. Aumenta l’esercizio; lo ripetiamo…. aumenta l’esercizio. L’attività fisica aiuta ad aumentar eil colesterolo buono nel sangue perché stimola lo spostamento dei depositi adiposi nel fegato, contribuendo a mantenere cuore e vasi sanguigni in buone condizioni.
  3. Smetti abitudini malsane: il fimo, per esempio, aumenta il rischio di insorgenza di malattie cardio-vascolari; infatti, le sigarette oltre a veicolare sostanze predisponenti ai tumori contengono anche una sostanza chimica che impedisce al colesterolo buono (HDL) di trasportare i depositi adiposi fino al fegato per smantellarli ed eliminarli. Invece questo colesterolo rimane in circolo causando il restringimento delle arterie (aterosclerosi) e un maggior rischio di ictus e infarto.
  4. Integra l’alimentazione: esistono anche dei preparati botanici di pronto uso che aiutano ad abbassare o mantenere i livelli normali di colesterolo nel sangue garantendo un’assunzione giornaliera, per esempio, di betaglucano d’avena, crusca d’avena, orzo, crusca d’orzo. Meglio ancora se ti aiuti con una miscela che li contenga tutti, magari assunta in forma di bevande rinfrescante, deliziosa che aggiunge al suo effetto pulizia dai grassi nocivi anche una maggiore idratazione. Riassumendo possiamo dire che il gli integratori utilizzabili sono suddivisibili in tre gruppi:
    1. Inibitori dell’assorbimento intestinale
    2. Inibitori della sintesi epatica del colesterolo (es bergamotto, monacolina k, ecc)
    3. Induttori dell’escrezione di LDL (es. berberina estratto di thè verde)
Ecco cosa ti proponiamo

È possibile ridurre e mantenere nella norma il livello del colesterolo?  Si, è possibile.

  1. Fai pulizia nella dieta: è da rivedere la tua alimentazione. Riduci il consumo di grassi saturi facendo qualche piccola sostituzione nei cibi che consumi, ad esempio passando dal pane bianco a quello integrale, dalle carni rosse e lavorate a pesci grassi e pollame magro, ma anche elimina snack confezionati come patatine per passare a semi o frutta a guscio.
  2. Aumenta l’esercizio: lo ripetiamo…. aumenta l’esercizio. L’attività fisica aiuta ad aumentar eil colesterolo buono nel sangue perché stimola lo spostamento dei depositi adiposi nel fegato, contribuendo a mantenere cuore e vasi sanguigni in buone condizioni.
  3. Smetti abitudini malsane: il fimo, per esempio, aumenta il rischio di insorgenza di malattie cardio-vascolari; infatti, le sigarette oltre a veicolare sostanze predisponenti ai tumori contengono anche una sostanza chimica che impedisce al colesterolo buono (HDL) di trasportare i depositi adiposi fino al fegato per smantellarli ed eliminarli. Invece questo colesterolo rimane in circolo causando il restringimento delle arterie (aterosclerosi) e un maggior rischio di ictus e infarto.
  4. Integra l’alimentazione: esistono anche dei preparati botanici di pronto uso che aiutano ad abbassare o mantenere i livelli normali di colesterolo nel sangue garantendo un’assunzione giornaliera, per esempio, di minimo 3gr di betaglucano (OatWell) che garantiscano anche un alto contenuto di fibre ma senza superare le 25Kcal per porzione. E’ proprio la combinazione di queste piccole sottolineature che contribuisce sia al riduzione sia al mantenimento del corretto livello di colesterolo nel sangue.
ELITE24H ti consiglia i prodotti più adatti ad ogni singola specificità e qualora fossi interessato ad avere maggiori informazioni clicca sul pulsante di seguito riportato e sarai contattato al più presto dal notro Team specializzato. Grazie

Lascia il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati *